, ,

Inquinamento ambientale ed Autismo

Inquinamento ambientale ed Autismo

La Ricerca

In Corea è stato condotto uno studio tra il 2005 ed il 2009  in bambini di età compresa tra 7 e 12 anni, che ha rilevato una incidenza pari  nel 2,64%, equivalente ad un caso su 38. Due terzi di questi bambini non erano stati precedentemente inquadrati e presentavano caratteristiche di minor gravità rispetto a quelli già iscritti nei registri. Lo studio ha messo in evidenza la necessità di uno screening sistematico e dettagliato della popolazione infantile, in relazione al continuo espandersi di questa condizione e allo scopo di offrire trattamenti adeguati e tempestivi.

Nello Utah una ricerca, condotta tra il 2002 ed il 2008 su  bambini di 8 anni, ha evidenziato una aumentata incidenza di disturbi dello sviluppo e di autismo: 1 caso su 77,  nella popolazione residente in prossimità di impianti industriali chimici.

“Prevalence of autism spectrum disorder in a total population sample” Young Shin Kim ed al;  American Journal of Psychiatry; May 9, 2011

“Maternal residential proximity to Toxic Release Inventory sites in children with ASD and other developmental disabilities” Judith Pinborough Zimmerman et al, International Society of Autism Research; May 12, 2011

Inquinamento

Una Soluzione

La diffusione dei disturbi dello sviluppo (1 caso su 6) e della sindrome autistica (1 caso su 68) secondo CDC, Marzo 2014 dimostra che il “mercato” responsabile dell’attuale inquinamento ambientale ed alimentare e della diffusione di pratiche potenzialmente iatrogene (antibiotici e  vaccinazioni di massa) si diffonde molto più rapidamente ed efficacemente della capacità di contrasto messa in campo dalle associazioni  di famiglie, dal servizio sanitario e dalla ricerca scientifica. Con la attuale incidenza nessuna famiglia in età fertile è immune dal rischio di generare un figlio con questi problemi. Il cambiamento sembra dunque affidato innanzitutto ad un progetto di ALFABETIZZAZIONE BIOLOGICA DELLA VITA QUOTIDIANA, che deve innestarsi sulla famiglia,  ponendo la Salute-Benessere al centro delle priorità, quale contenitore di ogni nostra potenzialità e di ogni possibile attesa. Vedi: Reimagination: Autismo, dove ha inizio il cambiamento; Monografia: disponibile abstract e documento integrale: f.verzella@tiscali.it.