, ,

Parto cesareo e fattori di rischio metabolico in Brasile

parto cesareoUno studio brasiliano ha indagato la relazione tra parto cesareo e fattori di rischio metabolico in giovani adulti. Il campione era costituito da 2063 individui nati tra il 1978 e il 1979 e ritestati 23-25 anni dopo; poco più della metà erano femmine. Il parto cesareo era praticato nel 32% dei partecipanti, con maggior frequenza tra le madri più anziane e con maggior grado di istruzione.

Le informazioni raccolte alla nascita comprendevano: tipo di parto, peso alla nascita, età materna, parità, istruzione materna e fumo; quelle raccolte oltre venti anni dopo comprendevano misure antropometriche e biochimiche, livello di istruzione e fumo dei partecipanti.

Il cesareo è già noto per alterare la costituzione del microbioma intestinale del neonato; è inoltre stato associato a obesità infantile e adulta.

In questo studio, il parto cesareo, se confrontato con quello vaginale e dopo correzione per più fattori, si associava ad un maggior indice di massa corporea (BMI), ma non agli altri fattori di rischio metabolico: livelli di glucosio, modello di omeostasi per la stima della resistenza insulinica, indice quantitativo di controllo della sensibilità insulinemica, colesterolo totale, HDL, LDL, trigliceridi).

 

[highlight] Rombaldi Bernardi J et Al. Cesarean delivery and metabolic risk factors in young adults: a Brazilian birth cohort study. Am J Clin Nutr August 2015 vol. 102 no. 2 295-301 [/highlight]