,

Uso prenatale degli inibitori selettivi del re-uptake della serotonina e rischio per ASD e per ritardo dello sviluppo

serotonina

La serotonina è un neurotrasmettitore critico nelle prime fasi di sviluppo del cervello; l’uso di sostanze in grado di modificarne i livelli durante la gravidanza può pertanto esercitare effetti negativi sullo sviluppo cerebrale del neonato.

Gli inibitori specifici del reuptake della serotonina (SSRI, Selective Serotonin Reuptake Inhibitors) sono farmaci che agiscono facendo aumentare i livelli extracellulari di serotonina e vengono comunemente usati per trattare la depressione e gli stati d’ansia: alcune stime approssimano al 4% il numero di donne in gravidanza che ne fa uso. Recentemente, il loro utilizzo in gravidanza è stato associato ad autismo nel bambino.

In questo studio, in cui si sono esaminate le cartelle cliniche di 966 coppie madre-figlio (492 ASD; 154 ritardo dello sviluppo, 320 normotipici) dallo studio CHARGE (Childhood Autism Risks from Genetics and Environment), è stata indagata la relazione tra uso in gravidanza di SSRI e autismo e ritardo dello sviluppo.

I risultati hanno evidenziato che la prevalenza dell’esposizione prenatale a SSRI era più bassa per i bambini normotipici (3.4%) rispetto ai soggetti diagnosticati per ASD (5.9%) e ritardo dello sviluppo (5.2%), tuttavia i risultati diventavano statisticamente significativi solo quando si consideravano i maschi. L’associazione più forte emergeva tra ASD e assunzione di SSRI nel primo trimestre e tra ritardo dello sviluppo e assunzione del farmaco nel terzo trimestre.

In questi risultati, gli aspetti genetici alla base della depressione materna possono rappresentare un fattore confondente.

 

[highlight]

Harrington RA et Al. Prenatal SSRI use and offspring with autism spectrum disorder or developmental delay. Pediatrics 2014;133(5):e1241-e1248.

http://pediatrics.aappublications.org/content/early/2014/04/09/peds.2013-3406.abstract

http://pediatrics.aappublications.org/content/early/2014/04/09/peds.2013-3406.full.pdf+html

[/highlight]

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *