SALUTE E CAMBIAMENTO

Il Cambiamento richiede il nostro distacco dal “mercato”
e l’avvio di un percorso individuale,
che ha due soli riferimenti: Salute e Tempo di vivere.
Il termine Salute contiene la nostra Identità ed ogni nostra possibile attesa,
secondo una competenza biologica, che avanza da alcuni milioni di anni.
La Ricerca Scientifica la indaga
e ci propone un nuovo progetto di alfabetizzazione.
Non dobbiamo difenderci, distinguere e giudicare.
E’ sufficiente vivere Salute. In noi e attorno a noi.
I burattinai non sono “cattivi”,
ma sono malati speciali e soffrono di una malattia,
che guarisce solo con la parola Salute Quotidiana.
Facciamo tutti parte di un Sistema centrato sulla relazione IO-TU,
un modulo di conoscenza funzionale per il Neonato,
in rapporto alla totale dipendenza dalla Madre,
che diventa impraticabile, quando ci apriamo alla complessità delle relazioni,
che caratterizzano la vita adulta.
Si sviluppa in una fase inconscia, come primo modulo di conoscenza,
e costituisce il nostro riferimento profondo,
al quale ricorriamo nei momenti di “verità”,
alla ricerca di una certezza automatica.
“Guardami negli occhi !”
In realtà questa verifica è “neonatale”, convenzionale,
e consente due sole opzioni: obbedienza assoluta o conflitto.
Pensiamo alla monotonia ossessiva dei dibattiti televisivi!….
E’ anche la matrice di ogni fondamentalismo:
etico, religioso, politico, giuridico.
Il Cambiamento prevede l’apertura al modulo IO-Tempo,
il Tempo di Vivere,
la cui caratteristica è assenza di ritorno.
Possiamo solo cambiare!
Tutto il resto è convenzione.
Certamente si può scendere dal treno,
ma non pretendere di vivere come se si stesse viaggiando….
Smettiamo di parlare dei “cattivi” e promuoviamo Salute,
in noi e attorno a noi.
Cambia tutto !
E’ una liberazione totale, ontologica.
Ci accorgeremo che il nostro fare, piano piano,
acquista la credibilità di un Testimonianza.
Ultimo controllo di questo check up: capacità di ridere e di gioire!

neonato

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *