EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Batteri intestinali e autismo

batteri-intestinali

Da una ricerca del 2014, presentata al meeting annuale della Società Americana di Microbiologia, arrivano nuove conferme circa il ruolo della flora intestinale nella patologia autistica.

Gran parte dei batteri presenti nel nostro tratto digerente sono benefici: contribuiscono al processo digestivo, producono vitamine e danno protezione contro i batteri dannosi. Le popolazioni batteriche patogene, invece, se trovano le condizioni ideali per proliferare, liberano molecole dannose, in grado di interferire non solo con gli equilibri del tratto digerente ma di tutto l’organismo e del cervello.

Sono stati analizzati 50 diversi metaboliti batterici da campioni fecali di bambini con ASD (Autism Spectrum Disorders) e di controlli normotipici.

I bambini in ASD, oltre ad ospitare popolazioni batteriche diverse rispetto ai controlli normotipici, presentavano una significativa alterazione dei livelli di 7 dei 50 metaboliti analizzati; di questi, la maggioranza si caratterizzava per mimare il comportamento dei neurotrasmettitori encefalici oppure interferiva con la sintesi degli stessi. Più precisamente, nei campioni fecali dei bambini autistici si misurava una riduzione delle concentrazioni di omovanillato, catabolita della dopamina, e di N,N-dimetilglicina, molecola costitutiva degli aminoacidi e di alcuni neurotrasmettitori, già usata nei soggetti autistici per ridurre i sintomi e gli attacchi epilettici. Il rapporto glutammina/glutammato invece era significativamente più elevato nei soggetti autistici; l’alterazione del rapporto tra il glutammato e il GABA, un suo derivato, è già stata associata a comportamenti autistico-simili come gli stati di iper-eccitazione.

Attraverso una recente tecnologia di sequenziamento, i ricercatori sono stati in grado di rilevare centinaia di specie batteriche differenti e hanno evidenziato che nel tratto digerente dei bambini autistici è presente una minor varietà di specie batteriche e, se confrontate con quelle dei bambini normotipici, le specie sono diverse.

 

Can chemical produced by gut microbiota affect children with autism? American Society for Microbiology. May 19, 2014

http://www.sciencedaily.com/releases/2014/05/140519114421.htm

 

Share this Story

Related Posts

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also

Vi racconto la mia terra

Da bambina vivevo in una cittadina piccola, di ...


Sono Franco Verzella. Fin dai tempi della scuola ho nutrito la convinzione che le persone e le diverse realtà che incontravo oltre alla loro "faccia" avessero dentro una sorpresa da indovinare e conoscere. Così l'istinto della ricerca ha caratterizzato i miei percorsi privati e professionali ed è stato sostenuto dal desiderio di contribuire alla realizzazione di "fatti" utili e nuovi. La microchirurgia oftalmica, la medicina funzionale e l'esperienza nel settore dell'autismo e dei disturbi dello sviluppo sono gli argomenti che mi hanno coinvolto ed alimentano ottimismo e gratitudine.

Ricerca