AUTISMO: LEZIONE TERZA

AUTISMO: LEZIONE TERZA

Lo studio e l’assistenza al bambino con problemi di sviluppo, autismo, ADHD, ritardo mentale, Asperger,  Down, hanno cambiato profondamente il nostro approccio nei confronti del Paziente.Riassumo quelle che mi paiono le principali indicazioni e di seguito la lettera di una ...
Autismo: Lezione Seconda

Autismo: Lezione Seconda

Se troviamo assurdo giudicare “immorale” il comportamento di un bambino autistico, perché ci rendiamo conto che esso è secondario a disturbi di tipo organico, quali una disbiosi intestinale, un blocco enzimatico, una encefalite, per lo stesso motivo possiamo cominciare a ...

L’esperienza per chiunque si occupi di autismo, sia come genitore che come operatore sanitario, è la quotidiana scoperta della natura biologica della nostra mente, per cui il comportamento è continuamente modulato da molecole di provenienza alimentare, intestinale, farmacologica, metabolica. Queste considerazioni costituiscono il fondamento dell’approccio molecolare e quantistico e unite ad un concreto pragmatismo clinico multidisciplinare, consentono di procedere nella ricerca delle cause e nella cura del bambino autistico, al riparo da interpretazioni statistiche e di classificazioni di malattia, che non sanno leggere la specificità biologica e comportamentale  dell’individuo, vero obiettivo dell’indagine medica
Se un bambino  ritenuto incurabile recupera l’uso della parola e la capacità di apprendere e di relazionarsi dopo alcuni mesi di cure mediche ed il rispetto di una dieta, significa che quelle cure mediche e quella dieta possono giovare ad una popolazione vastissima, perché una popolazione vastissima presenta disturbi intestinali, immunitari, emotivi, comportamentali evidenti e quotidiani, che rimangono incarcerati a causa di convenzioni tramandate e di un approccio specialistico farmacodipendente, che oggi si dimostra
non più attuale e dannosamente inutile.

.Image

DAN! Conference – Roma, Maggio 2007

Prima Conferenza Europea “ Autism and our Future”, Roma, Maggio 2007; partecipa ai lavori del Tavolo Nazionale sull’Autismo (Maggio 2007-Febbraio 2008) promosso dal Ministero della Salute. In collaborazione con la figlia Giulia, biologa, pubblica il volume:”Uscire dall’Autismo: un approccio biologico ...