,

The Italy Charter for a Life Renaissance

VISTO:

  • Convenzione di Ginevra; 22 agosto 1864
  • OMS: Atto Costitutivo; 22 Luglio 1946
  • Convenzioni di Ginevra: 1949
  • Protocolli dell’Aja; 1977
  • ALMA ATA Declaration: 6-12 September 1978
  • African (Banjul) Charter on Human and People’s  Rights; 27 JOttawa Charter; 17-21 November 1986
  • UN: “Our Common Future” ; 198
  • UN: Ottawa; 1997
  • UNFCCC: Kyoto; 11 December 1997
  • The People’s Charter for Health; 4-8 December 2000
  • The Bangkok Charter for Health Promotion in a Globalized World; 11 August 2005
  • Millennium Ecosystem Assessment (MEA). 2005. Ecosystems and Human Well-Being: Synthesis. Island Press, Washington
  • Health literacy as a public health goal; Don Nutbeam, University of Sydney, NSW 2006
  • Cracking the nut of health equity; Baum F. Promot. Educ. 2007;14(2):90-5.
  • IPCC (2007) The Intergovernmental Panel on Climate Change Fourth Assessment Report.
  • WHO: Commission on Social Determinants of Health Report; Geneva: 2008.
  • WHO: World Health Report on Primary Health Care; 2008
  • UNEP: Integrated solutions for biodiversity, climate change and poverty; 2010
  • Commissione Europea: “Un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse – Iniziativa faro nell’ambito della strategia Europa 2020”; 2011
  • EPHA: European Charter for Health Equity; April 2011
  • UN :  “The future we want” ; Rio; 27 July 2012
  • Alberta’s Health Charter; March 2014

 

CONSIDERATO:

Durante gli ultimi 40 anni il Degrado Ambientale ha creato una IMPRONTA ECOLOGICA superiore al 150%: “Viviamo come se avessimo un pianeta in più a nostra disposizione. Stiamo utilizzando il 150 per cento delle risorse che la Terra può produrre e se non cambieremo rotta il numero crescerà rapidamente – entro il 2030 anche due pianeti non saranno sufficienti. Nel 1970 sottraevamo annualmente materie prime dalla Terra per circa 30 miliardi di tonnellate, oggi siamo a quasi 70 miliardi. Come hanno indicato i maggiori scienziati internazionali che si occupano di scienze del sistema Terra, ci troviamo in un nuovo periodo geologico definito Antropocene, perché l’intervento umano produce effetti equivalenti alle grandi forze della natura che hanno modellato il Pianeta stesso ” Gianfranco Bologna, Direttore Scientifico del WWF Italia(www.wwf.it).
La Biodiversità comprende la varietà di tutte le forme di vita: geni, specie, popolazioni ed ecosistemi e le loro interazioni hanno creato i fondamenti su cui la società umana si è evoluta. Provvedere il cibo e l’acqua, regolare il clima e le malattie, promuovere i cicli nutritivi e la impollinazione, educare: sono le sfide che ci attendono, per assicurare il mantenimento della vita sul Pianeta. L’attuale velocità di estinzione delle specie avviene con una accelerazione  compresa tra 1.000  e 10.000 volte quella naturale. IPCC sostiene che il cambiamento del clima attuale è di 0,2°C per decade e che un aumento di 2-3 °C comporterebbe  la scomparsa del 20-30% delle specie.
Il Diritto Internazionale Umanitario è nato con la Prima Convenzione di Ginevra del 1864, si è sviluppato attraverso 18 successivi trattati  per far fronte, a posteriori, alle crescenti istanze umanitarie, conseguenza dello sviluppo dei nuovi armamenti, dei nuovi tipi di conflitto e delle dimensioni apocalittiche della loro capacità distruttiva. I CONFLITTI ARMATI ed i GENOCIDI costituiscono un tratto caratteristico delle scelte politiche e militari dei governi che si succedono in Europa, Asia ed Africa a partire dai primi anni del ‘900. Attualmente si sono particolarmente concentrati in Africa ed in Medio Oriente, caratterizzano le transazioni internazionali, sono causa di instabilità  dei governi,  di nuove povertà,  di inquinamento. Il tributo in vite umane e la radicazione della violenza e del terrore sconvolgono il destino di intere generazioni di bambini e di giovani.
Nei paesi industrializzati Il mantra della “produzione per la produzione” sostenuto dall’etica del “profitto per il profitto” hanno creato ed alimentano  un Libero Mercato, che libero non è, perché viene controllato e animato da una strettissima oligarchia  finanziaria e imprenditoriale.
Epidemie e Malattie Cronico Degenerative si sono diffuse nella popolazione adulta, a causa dell’inquinamento ambientale, della tossicità alimentare, di comportamenti e pratiche potenzialmente iatrogene, della inadeguatezza dei sistemi di prevenzione: sindrome metabolica, malattie neurodegenerative, patologie da tossicità ambientale, dipendenze, malattie da cause iatrogene, disturbi dell’umore e del comportamento. I Disturbi dello Sviluppo e dell’Apprendimento interessano 1 bambino su 6, mentre l’Autismo viene diagnosticato in 1 caso su 68; l’incidenza sulla sola popolazione maschile risulta di  1 caso su 42 (CDC: Marzo 2014). Con questa incidenza, nessuna famiglia in età fertile è immune dal  rischio di generare un figlio con questi problemi.
ll Degrado del Pianeta, la diffusione di malattie cronico degenerative, i disagi della Popolazione vengono chiaramente percepiti nella loro drammaticità solo da una strettissima minoranza, perché la complessità, la sensibilità e la dinamicità dei temi, le preoccupazioni di una quotidianità precaria,  il ruolo giocato dalle tradizioni e la manipolazione dell’informazione da parte dei poteri forti alimentano una “PIAZZA” formalmente democratica, ma nei fatti intimamente condizionata e confusa. Persone illuminate, enormi ricchezze, tecnologie in tutti i campi, che sembravano impensabili solo qualche anno fa, non hanno impedito il continuo declino del nostro Sistema e confermano la”impossibilità” ad avviare anche solo un rallentamento dell’attuale processo involutivo, che presenta numerosi aspetti di irreversibilità.

PRESO ATTO:

Nello stesso intervallo di tempo, a partire dagli anni ’60,   la Ricerca Scientifica, nel settore della Biologia e della Medicina,  con la scoperta della NATURA BIOLOGICA della MENTE, ha creato nuove evidenze, che consentono di comprendere le cause dello status quo e di avviare il cambiamento.
La Mente, con la quale pensiamo di identificarci e alla quale ricorriamo per comprendere, giudicare, scegliere e relazionarci, in realtà è antenna, manifestazione, sintomo del nostro Corpo, biologico, energetico e percettivo, astronomicamente più vasto, che pulsa  attraverso miliardi di relazioni  atomiche, molecolari, cellulari e contiene ogni nostra potenzialità. Il suo nucleo centrale si forma soprattutto tra il concepimento ed i  primi anni di vita e, come una memoria continua, media  la nostra relazione con la quotidianità ed appare  nella postura, la mimica, il movimento, la flessibilità, l’energia, la resilienza, la salute, l’umore, l’empatia, la capacità di ascolto, la creatività, la speranza.  Questa scoperta ci rivela e ci connette con il nostro vero interlocutore, il nostro CORPO, che la Ricerca Scientifica oggi legge ed interpreta in termini di SALUTE e BENESSERE.
La crisi e le esigenze a essa connesse sembrano creare un terreno fertile per la sperimentazione di soluzioni innovative che guardano al welfare non solo come risposta ai bisogni, ma anche come investimento e fattore di crescita e sviluppo. Lo Stato, il Mercato, il Terzo settore sono tutti attraversati dalla stessa crisi e sottoposti a sfide analoghe, crisi che investe anche la sfera della famiglia. L’ipotesi è che dalla capacità di individuare un nuovo equilibro tra queste sfere dipenda la tenuta del sistema sociale, nonché l’individuazione di un nuovo modello di «welfare rinnovato e sostenibile». Una soluzione che non presuppone più la separazione fra queste quattro arene o rapporti bidirezionali fra lo Stato e le altre sfere. Vi sono invece evidenze e segnali di una compenetrazione e sovrapposizione fra tutte e quattro le aree, per mettere in campo soluzioni «partecipate e frutto di collaborazione tra i soggetti che si muovono al loro interno.(Percorsi di Secondo Welfare: Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi; Radici e Libertà; 2013)
La Ricerca Scientifica, nel settore della Biologia e della Medicina, ha dimostrato che la Salute-Benessere contiene ed esprime la Identità dell’Individuo e, pertanto, costituisce il motore del Sistema Sociale, piuttosto che l’obiettivo di una rinnovata collaborazione tra i suoi soggetti, Stato. Terzo Settore, Mercato, Famiglie. La Salute-Benessere non è un prodotto, ma la identità stessa del singolo cittadino, e ne contiene ogni potenzialità ed ogni attesa. La nuova energia non consiste nella rinnovata collaborazione tra i soggetti che governano la vita sociale, ma nella ALFABETIZZZIONE BIOLOGICA DELLA VITA QUOTIDIANA, che dal singolo cittadino irradia ed alimenta lo sviluppo per la sostenibilità e attribuisce a tutto il sistema una coerenza esistenziale, non convenzionale, in armonia con il grande progetto dell’Evoluzione della Vita sul Pianeta.
La alfabetizzazione biologica della vita quotidiana costituisce, dunque, la prima delle energie rinnovabili di questo mutato quadro sociale e lo connette ad un quinto soggetto, il più antico, corale e sinfonico, costituito dall’AMBIENTE!
La scoperta della natura biologica della nostra mente  cambia per sempre la nostra missione: da astronauti di un mondo fisico ad entronauti di un universo biologico, che attraversiamo non da soli, ma insieme a tutti gli esseri viventi. Tutti figli della stessa tela, che la vita tesse da centinaia di milioni di anni. Tutti energeticamente coordinati dall’elettromagnetismo terrestre. Tutti affidati alla prosperità di un lembo sottilissimo di humus, che ricopre come un velo la superficie del Pianeta. Tutti figli dell’incontro della radiazione solare con la clorofilla. Tutti attraversati dalla gravità temporale e dal cambiamento.
Porre la Salute-Benessere, invece della Mente, al centro del nostro Sistema e della nostra quotidianità, comporta un cambiamento profondo, innanzitutto, della relazione con noi stessi, che richiede la formulazione di un progetto di Alfabetizzazione Biologica. Nasce così l’indicazione per realizzare un ABBECEDARIO della VITA QUOTIDIANA, con il contributo di Esperti, per i quali conoscenza è sinonimo di testimonianza.

PROPONIAMO:

(1) Un Comitato Scientifico Internazionale dedicato a formulare il PASSAPORTO DELLA SALUTE PER IL CAMBIAMENTO, un Questionario Bio-Comportamentale che pone al centro del Sistema, sociale e politico, la SALUTE-BENESSERE dell’Individuo, come contenitore di ogni potenzialità e di ogni attesa, in armonia con le leggi della Vita sul Pianeta.
Il Questionario Bio-Comportamentale si articola su 7 Note: Famiglia, Scolarità, Salute, Lavoro, Ambiente, Diritto, Cambiamento.
Obiettivi prioritari del Passaporto comprendono:

  1. Famiglia e Scuola: sono due aree particolarmente sensibili, in cui il Questionario potrà suggerire ed alimentare il superamento di luoghi comuni e  tradizioni obsolete e, nel contempo, promuovere esperienze nuove e diverse, individuali e collettive, in relazione al progressivo affermarsi della nuova alfabetizzazione e delle opportunità offerte dalle nuove tecnologie della informazione.
  2. Sanità: gli obiettivi comprendono: paziente informato, consapevole, responsabilizzato, centralità del paziente e della sua domanda di salute prima della diagnosi di patologia, approccio multidisciplinare a integrazione e superamento di quello specialistico, libertà di scelta terapeutica, liberalizzazione dei rimedi omeopatici, fitoterapici e delle medicine tradizionali, nutrizione, come primo intervento terapeutico, abbattimento dei costi sanitari in relazione al contrazione della spesa farmaceutica ed ai risultati di una più efficace prevenzione e detossificazione.
  3. Lavoro: costituisce il motore e buona parte della “carrozzeria” della nostra Società e le risorse umane (salute, benessere, formazione, competenze, motivazioni), così come gli obiettivi dedicati alla produzione per la sostenibilità trovano nel Passaporto argomenti, ripensamenti e nuove aperture di grande impatto per chi opera nel mondo del lavoro e dell’impresa.
  4. Ambiente: la nostra interfaccia con l’ambiente fisico avviene soprattutto attraverso tre superfici: cutanea (2mq), polmonare (140mq) ed infine intestinale (250mq) ed il contatto è mediato da una popolazione batterica saprofita più numerosa delle cellule che compongono il nostro corpo. Mediatori di questo dialogo sono l’aria, l’acqua, gli alimenti, le vibrazioni. In altre parole, cute, polmoni, intestino e batteri costituiscono l’arena del nostro contatto con l’ambiente. La complessità di questo dialogo è vertiginosa e il suo accadere ineludibile. La difesa nei confronti dell’ambiente coincide, dunque, con la difesa dell’ambiente. L’ambiente che siamo noi!
  5. Diritto: contiene e traduce riferimenti culturali, della tradizione, politici, religiosi, del momento storico, delle condizioni economiche. Una rilettura ed una interpretazione del diritto e della giustizia attraverso la nuova consapevolezza della nostra natura biologica, quale la ricerca scientifica ci ha fornito in questi ultimi 50 anni, sono al centro della sfida per lo sviluppo di una società più libera, democratica e solidale. Comportamento e stato di coscienza richiedono la integrazione con una attenta valutazione dello stato di salute, per formulare un giudizio, che sia comprensivo delle caratteristiche dell’individuo e consenta la formulazione del suo recupero, primo obiettivo dell’intervento giuridico.
  6. Cambiamento: alcuni argomenti ci consentono di apprezzare la dinamicità delle aperture, delle proiezioni e delle attese che nascono lungo i percorsi formulati dal Questionario:
  • Quotidianità a minimo impatto ambientale”
  • “Energie Rinnovabili e Internet”
  • “Acqua e Agricoltura a modulazione quantistica”
  • “La Cucina vegetariana della Salute e lo Sviluppo Sostenibile”
  • “Last Minute Market”
  • “Il Villaggio della Salute e del Benessere: Staminale del Cambiamento”
  • ” Apprendimento, Comunicazione, e Salute: 0-3 anni”
  • “Imprinting Pre-natale: battesimo di solidarietà e tolleranza”
  • “Il Bambino in cattedra: che cosa e come imparare dai bambini”
  • “Every Day Theatre: Comunicazione e Quotidianità”
  • “Il corpo vestito di tempo”
  • “Biologia, Responsabilità, Devianza e Diritto”
  • “Biologia molecolare quantistica, musica, colore e tempo”
  • “Arte Biologica: transizioni e reciprocità tra esperienze dell’uomo e manifestazioni della natura”

 (2) Banca Dati: L’attivazione di una Banca Dati dei “Passaporti” consente di registrare la Quotidianità nel suo accadere e continuo mutare, secondo una lettura scientifica al riparo da teorie filosofiche, politiche, economiche, finanziarie e non condizionata dalle esigenze del mercato e da convenzioni istituzionali. Il Passaporto svolge la funzione di RADAR DELLA DOMANDA, di cui raccoglie in tempo reale informazioni individuali sensibili e le processa all’interno della Banca Dati, che costituisce una vera “CASSAFORTE dello SVILUPPO PER LA SOSTENIBILITA’. Non la lettura del Genoma, ma quella dei Comportamenti in tempo reale, come espressione epigenetica del vivere quotidiano, è la strategia di questo servizio!

(3) Consorzio:

Un Consorzio di Aziende, che include la partecipazione di minoranza del Pubblico, dà vita ad un’Agenzia permanente le cui attività comprendono:

  • Formulazione del Passaporto e suoi aggiornamenti.
  • Collegamento con Centri di Ricerca e Istituzioni Internazionali.
  • Banca Dati e Borsa della Salute
  • Progetto di Comunicazione
  • Congresso annuale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

,

ANCORA PER POCO…

GAZA++

Stiamo camminando lungo una “cengia”, stretta e scoscesa e davanti a noi uno spazio operativo di pochi mesi, forse un anno.

Il modello che viene quotidianamente proposto è quello produttivo, che comprende Ricerca, Impresa, Produzione, Consumi.

E’ lo stesso degli anni ‘60-‘80, che ha condotto all’attuale fallimento:

degrado ambientale, nuove epidemie, eccidi.

Quarant’anni di  Ricerca Scientifica nel settore della biologia e della medicina

ci rassicurano con una formula elementare e definitiva:

 Salute e Benessere dell’Individuo

al Centro

del diritto, della cultura, della politica, dell’impresa,

E’ il progetto di REIMAGINATION, work in progress,

aperto al contributo di chi opera per la SOSTENIBILITA’.

GERMOGLIO-2

 

,

AUTISMO: DOVE HA INIZIO IL CAMBIAMENTO

P1010260

Le Ragioni del Progetto

Venivo al mondo in quegli anni. Li chiamavano ebrei.  Ora non si “formalizzano” e non fanno più distinzioni:  1 bambino su 6  presenta disturbi dello sviluppo e dell’apprendimento ed 1 su 68 viene diagnosticato come autistico (CDC: Marzo 2014). Non vengono deportati, ma “modificati” nelle nostre case, nelle nostre famiglie. Sono di salute cagionevole, difficili da trattare e incapaci di badare a se stessi. I nostri medici non li capiscono e non li sanno curare. Sostengono che dall’Autismo non si guarisce. Si calcola che nel 2025, autistico sarà: 1 su 2. Le cause sono state accertate: inquinamento ambientale, tossicità alimentare, pratiche mediche non personalizzate e iatrogene, mancanza di prevenzione preconcepimento  e ritardo nella diagnosi precoce, approccio  medico specialistico non multidisciplinare. Tutte cause prevenibili ! Solo nell’8- 10 % dei casi sono presenti disturbi di tipo genetico.

Eppure, in Italia ed in Europa non succede nulla da oltre 15 anni. Si tagliano i nastri per nuove residenze protette e nuove associazioni, mentre nelle case e nelle aule scolastiche le difficoltà si moltiplicano.

La scoperta, scientifica, sociale e antropologica, è che le cause che ammalano i bambini sono le stesse che ammalano gli adulti e diffondono le malattie cronico degenerative. Come si diceva, tutte prevenibili in oltre il 90% dei casi.

Siamo nati in tempo di guerra. Una guerra totale, che ha saputo inventare nuove armi, attraverso una specializzazione della quotidianità. Così l’aria, l’acqua, il cibo, l’informazione, la salute, il lavoro. Bombe ovunque e macerie che fumano. La rivoluzione è un sogno del passato, e i nuovi ciambellani della lettera G si scambiano giocatori di calcio, etichette, marchi, numeri e grafici di fantasia.

 La nostra specie  sembrerebbe essere arrivata al capolinea, se non fosse per un “dettaglio” fortunato, quasi un incidente di percorso, spuntato negli anni ’70. La scoperta scientifica della natura biologica della nostra mente! Ci siamo accorti che il nostro “suggeritore”, individuale e collettivo, la MENTE, non ha una identità,  e non potrà mai averla, perché è un sintomo. Là dentro non c’è proprio nessuno. Solo immagini istantanee. A volte a fuoco, a volte sfuocate. Che cambiano sempre. Come Dei dal volto umano, in continua dissolvenza.

Ohibò! La nostra civiltà affonda le sue radici in un terreno di sintomi e immagini !? Omero aveva proprio ragione: fantasie, che attraversano l’alba ed il tramonto.

Se questa scandalosa verità non ci tramortisce ed abbiamo ancora occhi per vedere il sorriso di un bambino….azionando i nostri neuroni specchio,  possiamo entrare dentro di noi, per un nuovo viaggio, assistiti da un libretto delle istruzioni chiaro e dettagliato. Anzi, dettagliatissimo, perché i prossimi passi dovranno essere necessariamente  brevi  ed elementari, in relazione alla nuova posizione assunta nello spazio e nel tempo. A volte potrà sembrare di muoverci a testa in giù! Piano, piano. Individualmente insieme. Connessi, alle piante ed agli animali.

 Il Progetto

 Alfabetizzazione biologica della vita quotidiana è la strategia, che ci consente di formulare il progetto di sviluppo dedicato alla sostenibilità, quando comprendiamo che il Primo Responsabile dell’attuale degrado è l’analfabetismo biologico della nostra cultura.

Per la prima volta nella storia, la Ricerca Scientifica di questi ultimi 50 anni rivela le ragioni  e suggerisce le strategie di questa transizione, che ci attende e che presenta caratteristiche di tipo evolutivo.

La Salute-Benessere, come nostro primo riferimento personale per interpretare e vivere l’avventura quotidiana e come il vero motore del nuovo ordine sociale. E’ un progetto di cultura e di impresa, che promosso e diffuso attraverso i servizi della rete, costituisce la Prima delle Energie Rinnovabili.

Il primo strumento è il Passaporto del Cambiamento: un Questionario che consente di navigare attraverso la propria quotidianità, filtrata da un’ottica scientifica, secondo una proiezione orientata al successo della nostra performance biologica e sociale.

Il Questionario è l’ Abbecedario per avviare questa nuova competenza, che ci consente di scoprire come ogni attimo della nostra giornata sia potenzialmente un attimo di Salute ed una occasione per esprimere, innanzitutto, la nostra gratitudine per il tempo che ci viene concesso.

Il Questionario viene formulato da un Gruppo di Testimoni del Cambiamento, allo scopo di garantire competenze e coerenza e viene continuamente aggiornato (work in progress) attraverso una analisi delle istanze e delle priorità, offerta da una Banca Dati dedicata.

Quattro sono le aree che richiedono con estrema urgenza la implementazione di questo ausilio, in rapporto alla precarietà delle condizioni umane coinvolte ed all’analfabetismo biologico che le alimenta:

  • Famiglie con figlio autistico o con problemi di sviluppo.
  • Famiglie, che vivono in aree ad estrema tossicità ambientale.
  • Persone in carcere.
  • Ambienti sanitari.

Le “nuove verità” appariranno beneficamente “cruente” e sapientemente circostanziate, per avviare senza ulteriori incertezze il cambiamento, che da troppo tempo stiamo aspettando.

Le sorprese, feroci e angoscianti, non saranno sorprese!

La SORPRESA, certamente per molti, sarà la scoperta della qualità miracolosa della esistenza, in noi e attorno a noi e la sua inquietante, trasparente gratuità!

 

 

 

 

 

,

PASSAPORTO DEL CAMBIAMENTO

P1010170

Premessa:

Alla fine degli anni ’70, Il Debito nei confronti della Terra era in pareggio, mentre oggi ha superato il 150%. L’Autismo nel 1985 aveva una incidenza di 1 caso su 2.500, mentre nel 2014  l’incidenza è di 1 caso su 68 (CDC: Marzo 2014). I Conflitti Armati attualmente in corso coinvolgono 65 Nazioni (17-01-2015)

Debito Ecologico, Autismo e Conflitti Armati sono i marker più sensibili dell’attuale emergenza, che riconosce esclusivamente cause antropogeniche. Occorre riflettere che, a differenza della povertà e della mancanza di lavoro, che sono emergenze sociali modificabili, il Debito Ecologico,  l’Autismo ed i Genocidi sono emergenze  biologiche, con drammatici aspetti di irreversibilità!

Salute e Malattia:

I continui aggiornamenti della ricerca scientifica, la vasta produzione editoriale nel settore della salute, i servizi della rete, la diffusione di farmaci, di rimedi naturali, fitoterapici, omeopatici e di strumentazioni  diagnostiche e terapeutiche innovative ed efficaci…. nulla hanno potuto contro il continuo aggravarsi del degrado ambientale e sociale. Eppure la causa primaria, dalla quale tutte le altre discendono, è sotto gli occhi di tutti e si esprime come: Analfabetismo Biologico della Vita Quotidiana.

Il primo antidoto nei confronti di questa “tassa universale” è rappresentato dal Passaporto del Cambiamento: un Questionario Biocomportamentale, attraverso il quale ciascuno è chiamato a rileggere la propria quotidianità, secondo un filtro che comprende competenze biologiche, mediche, nutrizionali, antropologiche, ambientali, per scoprire che ogni momento della propria giornata è una occasione per vivere e comunicare Salute e Benessere.

Il Passaporto costituisce un attestato della nostra individuale competenza nei confronti delle sfide poste  dal cambiamento ed esprime il nostro contributo allo  sviluppo sostenibile per una democrazia biologicamente alfabetizzata.

Il Questionario consente di creare una Banca Dati, in cui si raccolgono informazioni preziose sui comportamenti secondo criteri scientifici, non inquinati da influenze politiche o di mercato. Quattro sono  le prime aree in cui il Questionario potrà rivelarci i mille volti del nostro analfabetismo: le famiglie con figlio autistico, le famiglie che vivono nelle aree ad alto rischio ambientale, i carcerati ed infine i servizi sanitari, in cui la medicina specialistica dovrà aprirsi definitivamente ad un approccio multidisciplinare, avendo posto al centro della indagine e della terapia, non più la diagnosi, ma l’individuo, all’interno della propria quotidianità.

 

 

 

,

Giovedì 8 Gennaio 2015: Nigeria, Parigi ed il Nostro Futuro

Gli orrori dell’ISIS e le ambivalenze  dell’Islam moderato coesistono e dialogano con gli interessi delle multinazionali del petrolio, della chimica, delle armi, della finanza, delle tante mafie. Nello stesso giorno 2000 morti in Nigeria “contro” i 19 di Parigi.

Se rivediamo un filmato delle adunate  del popolo tedesco, i campi di sterminio, i gulag, Hiroshima, i conflitti asiatici, le adunate nordcoreane, tutte nell’arco di 70 anni… possiamo cominciare a riflettere che queste forme di delirio ci appartengono, nel principio (noi e il nemico) e nelle conclusioni (la distruzione  con ogni mezzo del nemico)… come ai tempi di Marco Polo e molto prima ancora!

 La Ricerca Scientifica dello sviluppo pre e neonatale e la fisica quantistica, per la prima volta nella storia, ci spiegano  le ragioni biologiche di questi fallimenti:

– Il Primo Imprinting biologico-energetico-percettivo è caratterizzato dalla esperienza della CONNESSIONE-APPARTENENZA: del feto  con la madre.

– Il Secondo Imprinting è veicolato e mediato in gran parte dal riflesso oculare e crea ed alimenta il nostro primo modulo di conoscenza: l’IO ed il TU; questo modulo é adatto per i primi 6-12 mesi di vita, viene alimentato da memorie inconsce, preconsce e preverbali e pertanto risulta assai difficile da recuperare ad una esperienza consapevole e verbale. Per queste ragioni rimane inesplorato per tutti noi, costituendo il fondamento delle nostre scelte “profonde e definitive”.  E’ un modulo binario, ad elementi contrapposti, che i  nostri neuroni specchio registrano fedelmente: Odio, Ambivalenza, Conflitto  da un lato e Amore,  Fedeltà e Collaborazione dall’altra.

– La Emancipazione dall’imprinting IO-TU è affidata alla scoperta della nostra Relazione Assoluta con il TEMPO DI VIVERE, che condividiamo con tutte le Specie viventi, piante ed animali. In questa esperienza il TU è diventato TEMPO e ci introduce ad una relazione continua, senza attese, dipendenze o ritorni e spalancata sulla immensa distesa del possibile (E. Zolla). Questa emancipazione va promossa a partire dal primo anno di vita, assistendo e incentivando il  bambino a progredire nelle sue “esplorazioni”.

 Siamo dunque nel mezzo di un passaggio che presenta caratteristiche evolutive per la nostra specie, e chi opera nel settore delle Scienze Biologiche e della Ricerca ha una responsabilità nuova ed urgente per contribuire  al tema della Pace, della Sostenibilità e di una Democrazia Biologicamente Alfabetizzata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

, , , ,

REIMAGINATION: Premessa

franco-verzella-reimagination

Le Ragioni del Progetto

Venivo al mondo in quegli anni. Li chiamavano ebrei.  Ora non si “formalizzano” e non fanno più distinzioni:  1 bambino su 6  presenta disturbi dello sviluppo e dell’apprendimento ed 1 su 68 viene diagnosticato come autistico (CDC: Marzo 2014). Non vengono deportati, ma “modificati” nelle nostre case, nelle nostre famiglie. Sono di salute cagionevole, difficili da trattare e incapaci di badare a se stessi. I nostri medici non li capiscono e non li sanno curare. Sostengono che dall’Autismo non si guarisce. Si calcola che nel 2025, autistico sarà: 1 su 2. Le cause sono state accertate: inquinamento ambientale, tossicità alimentare, pratiche mediche non personalizzate e iatrogene, mancanza di prevenzione preconcepimento  e ritardo nella diagnosi precoce, approccio  medico specialistico non multidisciplinare. Tutte cause prevenibili ! Solo nell’8- 10 % dei casi sono presenti disturbi di tipo genetico.
Eppure, in Italia ed in Europa non succede nulla da oltre 15 anni. Si tagliano i nastri per nuove residenze protette e nuove associazioni, mentre nelle case e nelle aule scolastiche le difficoltà si moltiplicano.
La scoperta, scientifica, sociale e antropologica, è che le cause che ammalano i bambini sono le stesse che ammalano gli adulti e diffondono le malattie cronico degenerative. Come si diceva, tutte prevenibili in oltre il 90% dei casi.

Siamo nati in tempo di guerra. Una guerra totale, che ha saputo inventare nuove armi, attraverso una specializzazione della quotidianità. Così l’aria, l’acqua, il cibo, l’informazione, la salute, il lavoro. Bombe ovunque e macerie che fumano. La rivoluzione è un sogno del passato, e i nuovi ciambellani della lettera G si scambiano giocatori di calcio, etichette, marchi, numeri e grafici di fantasia.
La nostra specie  sembrerebbe essere arrivata al capolinea, se non fosse per un “dettaglio” fortunato, quasi un incidente di percorso, spuntato negli anni ’70. La scoperta scientifica della natura biologica della nostra mente! Ci siamo accorti che il nostro “suggeritore”, individuale e collettivo, la MENTE, non ha una identità,  e non potrà mai averla, perché è un sintomo. Là dentro non c’è proprio nessuno. Solo immagini istantanee. A volte a fuoco, a volte sfuocate. Che cambiano sempre. Come Dei dal volto umano, in continua dissolvenza.
Ohibò! La nostra civiltà affonda le sue radici in un terreno di sintomi e immagini !? Omero aveva proprio ragione: fantasie, che attraversano l’alba ed il tramonto.
Se questa scandalosa verità non ci tramortisce ed abbiamo ancora occhi per vedere il sorriso di un bambino,  azionando i nostri neuroni specchio… possiamo entrare dentro di noi, per un nuovo viaggio, assistiti da un libretto delle istruzioni chiaro e dettagliato. Anzi, dettagliatissimo, perché i prossimi passi dovranno essere necessariamente  brevi  ed elementari, in relazione alla nuova posizione assunta nello spazio e nel tempo. A volte potrà sembrare di muoverci a testa in giù! Piano, piano. Individualmente insieme. Connessi, alle piante ed agli animali.

 Il Progetto

Alfabetizzazione biologica della vita quotidiana è la strategia, che ci consente di formulare il progetto di sviluppo dedicato alla sostenibilità, quando comprendiamo che il Primo Responsabile dell’attuale degrado è l’analfabetismo biologico della nostra cultura.
Per la prima volta nella storia, la Ricerca Scientifica di questi ultimi 50 anni rivela le ragioni  e suggerisce le strategie di questa transizione, che ci attende e che presenta caratteristiche di tipo evolutivo.
La Salute-Benessere, come nostro primo riferimento personale per interpretare e vivere l’avventura quotidiana e come il vero motore del nuovo ordine sociale. E’ un progetto di cultura e di impresa, che promosso e diffuso attraverso i servizi della rete, costituisce la Prima delle Energie Rinnovabili.
Il primo strumento è il Passaporto del Cambiamento: un Questionario che consente di navigare attraverso la propria quotidianità, filtrata da un’ottica scientifica, secondo una proiezione orientata al successo della nostra performance biologica e sociale.
Il Questionario è l’ Abbecedario per avviare questa nuova competenza, che ci consente di scoprire come ogni attimo della nostra giornata sia potenzialmente un attimo di Salute ed una occasione per esprimere, innanzitutto, la nostra gratitudine per il tempo che ci viene concesso.
Il Questionario viene formulato da un Gruppo di Testimoni del Cambiamento, allo scopo di garantire competenze e coerenza e viene continuamente aggiornato (work in progress) attraverso una analisi delle istanze e delle priorità, offerta da una Banca Dati dedicata.
Quattro sono le aree che richiedono con estrema urgenza la implementazione di questo ausilio, in rapporto alla precarietà delle condizioni umane coinvolte ed all’analfabetismo biologico che le alimenta:

  • Famiglie con figlio autistico o con problemi di sviluppo.
  • Famiglie, che vivono in aree ad estrema tossicità ambientale.
  • Persone in carcere.
  • Ambienti sanitari.

Le “nuove verità” appariranno beneficamente cruente e sapientemente circostanziate, per avviare senza ulteriori incertezze il cambiamento, che da troppo tempo stiamo aspettando.
Dovendo combinare competenze con testimonianza, la selezione dei candidati per formulare questo“libretto delle istruzioni”, appare una operazione ragionevolmente contenuta nei tempi.
Le sorprese, feroci e angoscianti, non saranno sorprese!
La SORPRESA, certamente per molti, sarà la scoperta della qualità miracolosa della esistenza, in noi e attorno a noi e la sua inquietante gratuità!

 

 

 

 

,

LETTERA APERTA A MATTEO RENZI

 

Presidente Renzi,
le vicende che insanguinano i paesi di cultura araba ed il conflitto in Ucraina,  confermano che il modulo violento e la strategia della usurpazione caratterizzano il comportamento di fanatici, non diversamente da quello delle democrazie avanzate. Sembra che facciamo tutti parte di uno stesso Sistema, che pone al centro una Mente, incapace di leggere oltre i giochi della antitesi.
Con la scoperta della natura biologica della mente, quarant’anni di  Ricerca Scientifica nel settore della Biologia e della Medicina ci liberano da questa “dipendenza” e ci rassicurano con una formula elementare e definitiva, ponendo:
la Salute ed il Benessere dell’Individuo al centro del diritto, della vita sociale, della cultura, della politica,dell’impresa, per uno Sviluppo dedicato alla Sostenibilità.
E’ un cambiamento copernicano del nostro orizzonte !
Alla luce di queste conoscenze la nuova  strategia comprende non la lotta contro il Sistema, il Sistema “analfabeta” e  fallito,  ma la conversione di competenze, energie, risorse e testimonianze per promuovere il progetto di ALFABETIZZAZIONE BIOLOGICA DELLA VITA QUOTIDIANA, da  diffondere attraverso i servizi della Rete come la prima delle energie rinnovabili!
Abbiamo condiviso  con alcuni Amici  questa riflessione nel documento REIMAGINATION e siamo convinti che il primo passo per avviare il Cambiamento  sia la formulazione del Passaporto della Salute: un questionario bio-comportamentale dell’individuo  nella vita quotidiana, con le seguenti finalità:
-Alfabetizzazione biologica dell’individuo e della famiglia, che incentiva la acquisizione di un ruolo attivo e critico del cittadino nei confronti della propria salute e contrae di conseguenza i costi di una sanità dedicata alla malattia e farmacodipendente.
-Liberalizzazione delle Arti Mediche, per rispondere al continuo dilatarsi e diversificarsi della domanda di salute.
-Promozione della Multidisciplinarietà in ambito sanitario, ad integrare l’attuale impostazione specialistica, orientata alla terapia d’organo.
-Alfabetizzazione biologica del Diritto (Giustizia) e Umanizzazione della Politica, finalmente capace di porre al centro la Salute Condivisa, a fondamento delle strategie  e delle attività legislative, scolastiche, sanitarie , industriali, economiche e militari.
-Creazione della Prima Banca Dati della Salute:  registrazione live della evoluzione epigenetica del comportamento della popolazione, secondo criteri scientifici, non inquinati da influenze istituzionali, politiche o di mercato !
Il Passaporto della Salute richiede la collaborazione di un Tavolo di Esperti su sette aree: Apprendimento, Salute, Movimento, Alimenti e Nutrizione,  Mestieri e Impresa, Ambiente ed Energie rinnovabili, Arte e Comunicazione.
Saremmo felici di presentarLe  il Progetto e rimaniamo pertanto in attesa di una Suo gentile riscontro.
Franco Verzella e Giulio Tarro.
5 Settembre 2014

 

 

,

REIMAGINATION !

Tra il Concepimento  ed il Terzo anno si forma una Memoria prevalentemente inconscia-preconscia -preverbale, che modula ogni istante della nostra vita e caratterizza Salute e Comportamento.
Questa memoria contiene il nostro primo modulo di conoscenza: inconscio,  protetto da un sentimento di sacralità, viene veicolato attraverso il contatto oculare con la madre e viene trasmesso attraverso le generazioni, come un segno caratteristico della nostra specie.
La scoperta da parte della Ricerca Scientifica di queste fasi precoci dello sviluppo ci consente, per la prima volta , di comprendere le ragioni profonde dell’attuale fallimento della nostra Società, al riparo da valutazioni  filosofiche, politiche, economiche, finanziarie, militari….tutte manifestazioni di una mente, autocertificata e inconsapevole della propria natura e della propria origine!….non diversamente dalla ragione morale, che alimenta il dolore ed il giudizio, ma rimane incapace di leggere ed interpretare le cause!
La scoperta della natura biologica della nostra mente e del suo ruolo di antenna di una individualità atomica, molecolare, cellulare, energetica e percettiva, astronomicamente più complessa e intimamene connessa con l’ambiente, ci indica la formula per avviare una  fase nuova della nostra storia e della nostra evoluzione.
Porre al centro non più la Mente,  ma la Salute , secondo quella lettura olistica, che biologia molecolare e fisica quantistica oggi ci  offrono: dall’IO della Mente all’IO della Salute!
E’ un cambiamento copernicano del nostro orizzonte !  Alla luce di queste conoscenze il CAMBIAMENTO nasce non dalla lotta contro il Sistema, il Sistema fallito,  ma dalla conversione di competenze, energie, risorse e testimonianze per promuovere il progetto di ALFABETIZZAZIONE BIOLOGICA DELLA VITA QUOTIDIANA,  come la prima delle energie rinnovabili, da  diffondere attraverso i servizi della Rete!
Queste sono le certezze che ci portano ad un  radicale cambiamento di prospettiva e promuovono lo sviluppo per la sostenibilità in armonia con tutte le specie viventi, piante ed animali.
Abbiamo condiviso  con alcuni Amici  questa riflessione nel documento REIMAGINATION. e siamo convinti che il primo passo per avviare questo Cambiamento  sia l’acquisizione della  LIBERTA’ DI SCELTA TERAPEUTICA, alla quale abbiamo dedicato una PETIZIONE ,  che Vi chiederemo di  condividere.

 

,

PER UNA DEMOCRAZIA BIOLOGICAMENTE ALFABETIZZATA

Persone illuminate, enormi ricchezze, tecnologie in tutti i campi, che sembravano impensabili solo qualche anno fa, non hanno impedito il continuo declino della Società Internazionale ed il degrado del Pianeta, a partire dagli anni ’80.
Il termometro più sensibile é rappresentato dalla salute dei bambini:
-Disturbi dello sviluppo e dell’apprendimento: 1 su 6;
-Autismo: 1 su 68, di cui maschi: 1 su 42 (CDC:Marzo 2014);
-Sovrappeso ed obesità: 30%.
Con questa incidenza nessuna famiglia in età fertile è immune dal rischio di generare un figlio con questi problemi !
Se tutto questo è vero, di quale “sviluppo” possiamo parlare ?!

Il Sistema é fallito e l’allarme è assordante !
Dobbiamo convincere Matteo che il “guasto” viene “prima degli orrori ” e riguarda la nostra cultura filosofica, sociale, storica, politica, economica, finanziaria.
La Ricerca Scientifica nel settore della biologia e della medicina ci fornisce la chiave per poter interpretare questa fase della nostra storia e ne indica la causa primaria, come ANALFABETISMO BIOLOGICO DELLA VITA QUOTIDIANA. E’ sempre esistito e oggi viene esploso dalla attuale crescita demografica, dalla babele delle culture, dalla capacità distruttiva ed antibiologica delle applicazioni chimiche e tecnologiche, dal mantra della “produzione per la produzione “, affidato all’etica del “profitto per il profitto”….
E’ sufficiente porre al centro la Salute, come contenitore della nostra sola ed unica Vita, e tutto diventa coerente, in leggerezza!
La premessa di questo nuovo percorso è che la mente non può “autocertificarsi”, perché è antenna di quella MATRICE, biologica-energetica-percettiva, che si forma, soprattutto, tra il concepimento ed i primissimi anni di vita e che la biologia molecolare quantistica oggi interpreta in gradi di Salute e Benessere, nella relazione tra l’individuo, la comunità e l’ambiente.
Dalla cultura delle CREDENZE (IO della MENTE), alla cultura delle CONOSCENZE (IO della SALUTE), la Ricerca Biologica incontra la nostra Storia e spalanca il disegno di un Nuovo Rinascimento su basi scientifiche, come la prima delle energie rinnovabili ! (*)
Occorre formulare un nuovo abbecedario per questa fase della nostra storia. Uno strumento elementare, un QUESTIONARIO BIO-COMPORTAMENTALE, che ci introduca ad una “normalità” nuova e diversa, che ci aiuti individualmente a riflettere sulla nostra partecipazione alla vita sul Pianeta, attraverso un progetto di apprendimento e di cambiamento.
Un Tavolo Multidisciplinare di Testimoni del Cambiamento potrà formulare questo documento come PASSAPORTO DELLA SALUTE e promuovere quella umanizzazione della politica, da troppo tempo attesa e l’avvio di una nuova democrazia biologicamente alfabetizzata.
(*) Argomenti per il Cambiamento:
“Quotidianità a minimo impatto ambientale”
“Energie Rinnovabili e Internet”
“Acqua e Agricoltura a modulazione quantistica”
“La Cucina vegetariana della Salute e lo Sviluppo Sostenibile”
“Il Villaggio della Salute e del Benessere: Staminale del Cambiamento”
“Apprendimento, Comunicazione, e Salute: 0-3 anni”
“Imprinting Neonatale: battesimo di solidarietà e tolleranza”
“Il Bambino in cattedra: che cosa e come imparare dai bambini”
“Every Day Theatre: Comunicazione e Quotidianità”
“Il corpo vestito di tempo”
“Biologia, Responsabilità, Devianza e Diritto”
“Biologia molecolare quantistica, musica, colore e tempo”
“Arte Biologica: transizioni e reciprocità tra esperienze dell’uomo e manifestazioni della natura”

,

EINSTEIN E BARACK OBAMA SONO D’ACCORDO!

Around the world the old order isn’t holding and we’re not quite yet to where we need to be…a new order that’s based on a different set of principles…on a sense of common humanity” Barack Obama, 22 Luglio 2014
RIMANE LA DOMANDA:
Quali sono i diversi principi e qual’ è la chiave per interpretare il senso della comune umanità?!
La mia convinzione è che questa chiave è a disposizione di ciascuno di noi, come:
ALFABETIZZAZIONE BIOLOGICA DELLA VITA QUOTIDIANA,
che pone la salute ed il benessere dell’individuo e della famiglia al centro dellaEducazione, del Diritto, della Politica, della Cultura, dell’Impresa.