EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

DAL FRONTE AUTISMO

lettere dal fronte autismo - Copertina paint

Alla luce del dettato costituzionale é ragionevole porre in dubbio la parola e l’esperienza  di genitori che confermano un miglioramento delle condizioni di salute dei loro figlioli dopo aver sostituito farmaci tradizionali, perché privi di alcun effetto, con trattamenti omeopatici od omotossicologici? E’ possibile che si debba ancora sentirsi ripetere che manca una validazione scientifica della efficacia della dieta priva di glutine e caseina, quando migliaia di bambini l’hanno applicata con successo in campo internazionale da oltre 10 anni? E’ possibile che i trattamenti di riabilitazione, che sono parte fondamentale  di un progetto  terapeutico globale debbano restare a carico delle famiglie ed a causa dei costi rilevanti possono essere assicurati solo ad una stretta minoranza di famiglie abbienti, come viene giustamente sottolineato dalla interpellanza dell’onorevole Delfino? Come é posibile che illustri e qualificati economisti non ci forniscano una corretta proiezione sull’enorme costo economico che l’intera comunità dovrà affrontare quando sarà costretta a farsi carico dei soggetti “attualmente non recuperabili”? Per non parlare della drammatica ipoteca sociale rappresentata dai sacrifici e dalle sofferenze psicologiche delle famiglie di questi soggetti senza futuro, a fronte di una ingravescenza esponenziale della presente epidemia!
Un Genitore medico.
(Lettere dal Fronte Autismo”:
raccolta di testimonianze consegnate a Livia Turco, Ministro della Salute, Roma, 5 Aprile 2007)

Share this Story

Related Posts

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also

Vi racconto la mia terra

Da bambina vivevo in una cittadina piccola, di ...


Sono Franco Verzella. Fin dai tempi della scuola ho nutrito la convinzione che le persone e le diverse realtà che incontravo oltre alla loro "faccia" avessero dentro una sorpresa da indovinare e conoscere. Così l'istinto della ricerca ha caratterizzato i miei percorsi privati e professionali ed è stato sostenuto dal desiderio di contribuire alla realizzazione di "fatti" utili e nuovi. La microchirurgia oftalmica, la medicina funzionale e l'esperienza nel settore dell'autismo e dei disturbi dello sviluppo sono gli argomenti che mi hanno coinvolto ed alimentano ottimismo e gratitudine.

Ricerca