EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Integrazione materna con vitamina D3 e stati carenziali nel neonato allattato al seno

donna che allattaPer i neonati allattati al seno può essere raccomandabile l’integrazione con vitamina D.

In questo studio di March e collaboratori, si valuta se l’integrazione della madre con vitamina D3 durante la gestazione e l’allattamento può offrire una copertura al neonato contro stati carenziali della vitamina.

226 donne in gravidanza sono state randomizzate per ricevere diversi dosaggi di vitamina D3 (10, 25, 50 microgrammi/die) dalla 13ma alla 24ma settimana e nelle prime otto settimane di allattamento. Al termine dell’ottava settimana di allattamento, sono stati testati i livelli di 25-idrossivitamina D [25(OH)D] nel sangue delle madri e dei neonati.

Nel gruppo delle madri integrate con 50 microgrammi/die di vitamina D3, si otteneva un effetto protettivo contro stati carenziali [25(OH)D < 30nmol/L]  nel 98% dei neonati allattati al seno e non integrati; lo stesso effetto protettivo copriva l’84% e il 57% di bambini le cui madri erano state integrate rispettivamente con dosaggi di vitamina D3 di 25 e 10 microgrammi/die.

All’ottava settimana di allattamento, i livelli medi di vitamina 25(OH)D nei tre gruppi di madri a diverso dosaggio di integrazione erano rispettivamente 88, 78 e 69 nmol/L.

March KM et Al. Maternal vitamin D3 supplementation at 50 μg/d protects against low serum 25-hydroxyvitamin D in infants at 8 wk of age: a randomized controlled trial of 3 doses of vitamin D beginning in gestation and continued in lactation. Am J Clin Nutr August 2015 vol.102 no. 2 402-410
Share this Story

Related Posts

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also

Vi racconto la mia terra

Da bambina vivevo in una cittadina piccola, di ...


Sono Franco Verzella. Fin dai tempi della scuola ho nutrito la convinzione che le persone e le diverse realtà che incontravo oltre alla loro "faccia" avessero dentro una sorpresa da indovinare e conoscere. Così l'istinto della ricerca ha caratterizzato i miei percorsi privati e professionali ed è stato sostenuto dal desiderio di contribuire alla realizzazione di "fatti" utili e nuovi. La microchirurgia oftalmica, la medicina funzionale e l'esperienza nel settore dell'autismo e dei disturbi dello sviluppo sono gli argomenti che mi hanno coinvolto ed alimentano ottimismo e gratitudine.

Ricerca