EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Parto cesareo e fattori di rischio metabolico in Brasile

parto cesareoUno studio brasiliano ha indagato la relazione tra parto cesareo e fattori di rischio metabolico in giovani adulti. Il campione era costituito da 2063 individui nati tra il 1978 e il 1979 e ritestati 23-25 anni dopo; poco più della metà erano femmine. Il parto cesareo era praticato nel 32% dei partecipanti, con maggior frequenza tra le madri più anziane e con maggior grado di istruzione.

Le informazioni raccolte alla nascita comprendevano: tipo di parto, peso alla nascita, età materna, parità, istruzione materna e fumo; quelle raccolte oltre venti anni dopo comprendevano misure antropometriche e biochimiche, livello di istruzione e fumo dei partecipanti.

Il cesareo è già noto per alterare la costituzione del microbioma intestinale del neonato; è inoltre stato associato a obesità infantile e adulta.

In questo studio, il parto cesareo, se confrontato con quello vaginale e dopo correzione per più fattori, si associava ad un maggior indice di massa corporea (BMI), ma non agli altri fattori di rischio metabolico: livelli di glucosio, modello di omeostasi per la stima della resistenza insulinica, indice quantitativo di controllo della sensibilità insulinemica, colesterolo totale, HDL, LDL, trigliceridi).

 

Rombaldi Bernardi J et Al. Cesarean delivery and metabolic risk factors in young adults: a Brazilian birth cohort study. Am J Clin Nutr August 2015 vol. 102 no. 2 295-301
Share this Story

Related Posts

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also

Vi racconto la mia terra

Da bambina vivevo in una cittadina piccola, di ...


Sono Franco Verzella. Fin dai tempi della scuola ho nutrito la convinzione che le persone e le diverse realtà che incontravo oltre alla loro "faccia" avessero dentro una sorpresa da indovinare e conoscere. Così l'istinto della ricerca ha caratterizzato i miei percorsi privati e professionali ed è stato sostenuto dal desiderio di contribuire alla realizzazione di "fatti" utili e nuovi. La microchirurgia oftalmica, la medicina funzionale e l'esperienza nel settore dell'autismo e dei disturbi dello sviluppo sono gli argomenti che mi hanno coinvolto ed alimentano ottimismo e gratitudine.

Ricerca